Villa Daniela Grossi - Camigliano

Aderisce a "Sposarsi in villa"

text-icon

Le origini di Villa Daniela Grossi risalgono al XVII secolo.

Nel 1649 il nobile lucchese Alessandro Massei acquistò la Villa in un'asta pubblica dalla famiglia Santucci. L'edificio non era in buono stato e tra gli anni 1650 e 1656 furono realizzati molti restauri e migliorie, allo scopo di rendere la dimora adatta alla villeggiatura di una nobile famiglia lucchese. Nel 1695 la Villa fu ereditata da Bianca Teresa Massei, moglie di Buonviso Buonvisi, ma la nobildonna due anni dopo la vendette al facoltoso mercante Giovan Andrea Guidotti. Nell'archivio storico di Lucca ritroviamo nel 1843 la Villa fra le proprietà dei Guidotti, descritta come un complesso di quattro piani, ogni piano affrescato con racemi, anfore, candelabri e paesaggi: tutti elementi decorativi tipici dei restauri avvenuti nelle ville lucchesi durante il principato di Elisa Bonaparte.

Gli esterni della villa erano costituiti da: terreno, oratorio, limonaia e giardino su due livelli come ancora oggi lo possiamo ammirare. La famiglia Guidotti non ebbe eredi diretti e la Villa fu ereditata da Sinibaldo Sinibaldi. Nel 1866 i conti Guinigi acquistarono tutta la proprietà dai Sinibaldi e la donarono ai frati Cappuccini, privati delle loro proprietà in seguito alle leggi sulla secolarizzazione dei beni ecclesiastici. I frati così descrivevano la Villa: affrescata, molto ben arredata e ricca di piante di limoni. In seguito apportarono alcune modifiche utili alla loro vita religiosa e alla creazione di un seminario di clausura dove insegnare materie liceali. In pochi anni il numero dei frati e degli studenti crebbe velocemente per cui nel 1903 fu costruito un'immobile adiacente alla Villa adibito a dormitorio, cucina e sale studio/ricreazione. L'oratorio fu ampliato e convertito in una chiesa dove anche la popolazione limitrofa poteva accedere.

Nel 1929 fu costruita un'altra ala adiacente alla chiesa, utilizzata esclusivamente per le aule scolastiche. Alla fine del XX secolo le vocazioni diminuirono e il convento rimase vuoto.

Nel 1995 il complesso è stato acquistato dalla famiglia Grossi/Cervelli che ha intrapreso un importante lavoro di consolidamento e restauro grazie al quale gli affreschi sono stati riportati alla luce e la villa, la limonaia e il giardino all'italiana hanno riacquistato l'antico splendore.

text-icon
text-icon

CONTATTI

Via del Gomberaio 2/4 - Camigliano (Capannori)

E-mail: info@villadanielagrossi.it 

Sito: www.villadanielagrossi.it 

Villa Daniela Grossi aderisce al progetto "Sposarsi in villa" per la celebrazione del rito civile del matrimonio direttamente nella dimora.

Residenza d'epoca con splendido giardino all'italiana, Villa Grossi offre la possibilità di celebrare il matrimonio in una location unica e magica, rendendo il giorno del matrimonio unico e indimenticabile.

La cerimonia si può svolgere sia nel salone principale, che nel giardino o in alternativa nella limonaia o nel gazebo sovrastante la piscina.

text-icon