Villa Borrini - Sant'Andrea di Compito

Visitabile durante la "Mostra delle Antiche Camelie della Lucchesia"

text-icon

La villa, nella sua conformazione attuale, fu costruita dalla famiglia Orsi nella prima metà del XVII secolo.

Il complesso più antico era diversamente articolato e diviso in due edifici, come si legge su un martilogio del 1695 in possesso dei nuovi proprietari, la famiglia Borrini.

Il giardino della villa fu edificato da Francesco Maria Borrini nel 1817, anno in cui venne ultimata la costruzione della strada che porta fino a S. Andrea di Compito. Nel 1830 venne impiantata dai suoi figli, Angelo e Alessandro, una grande collezione di camelie. A questa si dedicò soprattutto Angelo Borrini, medico oculista personale del Duca di Lucca, Carlo Lodovico di Borbone. Nutrendo una grandissima passione per questa pianta dalle origini esotiche ed intrattenendo rapporti con i più importanti giardinieri di quel tempo, riuscì ad arricchire sempre più la sua collezione di esemplari rari e particolari. Questo amore per la camelia lo portò ad ottenere anche nuove cultivar: la prima, chiamata “Oscar”, dal nome del figlio, fu ottenuta dal Borrini nel 1835 ed è descritta nel catalogo Scarlatti del 1888 (fiore medio-grande, doppio con petali di colore bianco, con numerose listature e screziature rosse). La camelia “Ida Borrini”, dedicata alla figlia, fu ottenuta nel 1837 (fiore medio, doppio con petali di colore bianco con qualche listature di colore rosa).

La passione si tramandò di generazione in generazione, dal figlio Oscar, che iniziò ad occuparsi del giardino dopo la morte del padre, alla nipote Eloisa, in tempi più recenti. Così è stata preservata la preziosa raccolta che oggi conta circa 70 diverse cultivar.

Rarissima è la “Stella di Compito” (fiore medio-grande, doppio con petali rosa tenue con l’orlo del petalo bianco), che era creduta estinta. Questa cultivar fu ottenuta dal cav. Cesare Fianchetti a Firenze e dedicata al paese di S. Andrea di Compito, luogo da lui molto amato. 

text-icon
text-icon

Via della Pieve 111

S. Andrea di Compito (Capannori - Lucca)

La villa si trova lungo il percorso delle Camelie.

Visitabile durante la "Mostra delle Antiche Camelie della Lucchesia".

La villa aderisce al progetto "Sposarsi in villa" per la celebrazione del rito civile del matrimonio direttamente nella dimora.

La struttura è disponibile ad ospitare matrimoni nel periodo aprile-settembre compresi, nei giorni di sabato e domenica od in altri giorni festivi. A disposizione degli ospiti sono gli spazi esterni e, nello specifico, un giardino posto nella parte posteriore della villa ed un giardino posto sul davanti della facciata principale. In entrambi i giardini sono presenti le secolari piante di camelia risalenti al 1800. Nel giardino principale vi è la possibilità di allestire gazebo ove necessario. Tra i due giardini esiste una comunicazione tramite una sala di prestigio. A disposizione eventuale cucina per appoggio del catering. La capienza massima offerta si aggira intorno ai 150 invitati.

 

 

text-icon