Villa Torrigiani

Villa TorrigianiDue maestose ali di cipressi, lunghe quasi un chilometro, annunciano la teatrale facciata di uno dei migliori esempi di architettura barocca in Toscana ovvero Villa Torrigiani.
La Villa ed il Parco risalgono al primo '500 ed appartenevano alla famiglia Buonvisi che l'acquistò dalla famiglia Berti nel 1561. Fu luogo d'incontri tra la marchesa Lucrezia, moglie di Lelio Buonvisi, ed il suo amante (Arnolfini) che sembra sia stato catturato proprio di fronte ai cancelli di Camigliano, accusato dell'assassinio del Marchese Lelio avvenuto in città.
Successivamente, nella prima metà del 600, la Villa di Camigliano venne acquistata dal Marchese Nicolao Santini, ambasciatore della Repubblica di Lucca alla corte di Luigi XIV (Re Sole) il quale volle trasformarla in una dimora sontuosa, con un giardino a parterres fioriti e grandi vasche sul davanti nelle quali si riflette la facciata, realizzate come dai progetti di Le Notre per la reggia di Versailles.
Creò il Giardino - Teatro di Flora con grotte e giochi d'acqua ancora funzionanti e visibili nella Grotta dei Venti: un notevole esempio di grotta a pianta circolare a mosaico di pietre contornata da nicchie, in cui sono inserite importanti statue dei Venti con fontane nel basamento, sormontata da una cupola dalla quale fuoriesce la grande pioggia d'acqua.
Il giardino "entra" nella Villa come decorazione negli affreschi di Pietro Scorzini perfettamente conservati (raffiguranti "Le Stagioni" nelle camere, scene mitologiche nei salotti e l'Imperatore Aureliano nel salone principale) che fanno da cornice agli arredi originali tuttora esistenti.
La Villa è infatti ancora abitata dalla famiglia discendente dal Marchese Nicolao attraverso il matrimonio dell'ultima erede Vittoria Santini che sposò nel 1816 il Marchese Pietro Guadagni Torrigiani. I loro busti sono sulla facciata e nella cappella (visitabile) dove sono sepolti anche il Marchese Carlo Luca e sua figlia la Marchesa Simonetta Torrigiani che sposò (1937) il Principe di Stigliano Don Carlo Colonna, dai quali l'odierna discendenza.
L'imponente facciata principale ha un aspetto trionfale ed è caratterizzata da un forte movimento dovuto all'uso di materiali diversi sia per consistenza sia per colore.
Le divisioni principali della facciata sono segnate da balaustre con statue. Il parco è l'altro elemento della villa caratterizzato da una prorompente sontuosità, assumendo dal XIX secolo, sulla parte antistante e retrostante la Villa, un aspetto più romantico con l'inserimento di essenze provenienti da varie parti del mondo.
L'assetto cinquecentesco della proprietà è ricostruibile da documenti e fonti iconografiche nelle quali il palazzo, con loggia centrale, è rappresentato sormontato da un doppio corpo, un'altana digradante con un coronamento superiore chiuso dal simbolo araldico della stella Buonvisi, che rimanda ad altre loro ville coeve.

Contatti
Via del Gomberaio 3 - Camigliano (Capannori).
Tel. e fax: 0583 928041
E-mail: villacamigliano@virgilio.it
Sito: www.villelucchesi.net


Apertura 2017

Parco e interni Palazzo aperti alle visite tutti i giorni dal 18 Marzo al 5 Novembre.

In altro periodo contattare per prenotazione.


Orario
: 10-13 / 14,30 -18,00 (anticipato alle 17,00 senza ora legale)

Ingresso a pagamento, 

gratuito per minori anni 15 (escluso in gruppi) 

riduzione per gruppo, oltre 20 persone.

La visita Parco e Villa comprende l’accompagnamento all’interno delle stanze arredate ed affrescate (Sec.XVII°-XVIII°).

Contatti:
Tel/fax +39 0583 928041
Mobile +39 349 6206847
villatorrigiani@villeepalazzilucchesi.it
www.villeepalazzilucchesi.it

 

 

 

 

Cerca altre notizie sui motori di ricerca: Google - Yahoo - Bing - Virgilio (collegamenti esterni al sito)

Villa Mansi

Villa Torrigiani

Villa Reale

Altre Ville

Torna indietro Torna al menù del Territorio